Birra artigianale: ecco i requisiti di legge

birra boccaliArtigianale. E’ questo uno dei mood dei veri bevitori di birra, ma spesso accade che dietro questa etichetta si nascondono false verità. Ci sono casi in cui dietro alla forma, dietro al manifesto sbandierato dell’artigianalità, si cela invece una normale birra industriale. Con un’origine, una filosofia e un costo differente da un prodotto artigianale.

Quando si può definire artigianale una birra? Secondo il comma 4bis dell’art. 2 della legge 16 agosto 1962, aggiornato a luglio del 2016 si può parlare di birra artigianale quando viene prodotta da un piccolo birrificio indipendente, che non produce più di 200.000 ettolitri l’anno e non viene sottoposta a pastorizzazione e microfiltrazione.

La legge entra poi nello specifico di che cosa sia un birrificio indipendente, che deve essere legalmente ed economicamente indipendente da qualsiasi altro birrificio, deve usare impianti fisicamente distinti da quelli di qualsiasi altro produttore di birra, e non deve operare sotto licenza di utilizzo dei diritti di proprietà immateriale altrui.

Nonostante gli sforzi dei proponenti per rendere questa legge completa, ci sono ancora alcune zone d’ombra in questa definizione che riguardano principalmente il significato di microfiltrazione e il concetto di indipendenza. E se sulla prima tutto tace, benché sia cruciale per definire il prodotto dal punto di vista organolettico, è sull’indipendenza da altre società-birrifici che si addensano le nubi.

La legge è, quindi, uno strumento perfettibile ma l’unico per ora in mano ai birrifici per differenziare il prodotto artigianale da quello che non lo è.

In cosa si può incorrere spacciando una birra per artigianale se non lo è? Chiamare birra artigianale una birra che non corrisponde ai requisiti di legge è una pratica commerciale ingannevole, tesa a truffare il consumatore e potrà costare caro: si va dai 1500 euro per errata denominazione, fino a 5000, se si accerta la volontà di ingannare il consumatore.

Fonte: La Repubblica

 

Condividi

Commenti

commenti