Tra Pandoro e Panettone? Meglio Poisndoro

uovoapois_poisndoro2017

Ogni anno il dilemma è sempre lo stesso: preferisci pandoro o panettone?

C’è chi è amante del soffice pandoro senza alcun candito e uvetta da togliere o chi preferisce la fetta morbida e piena di sapori e consistenze da addentare.

Il giovane pastry chef Alberto Paciaroni (classe ’86) dopo essersi fatto le ossa un po’ a Tokio , un po’ alla corte di Sir Heinz Beck decide di fornirci un’alternativa, anzi addirittura due: il Poisnettone e il Poisndoro.

IMG_7745.HEIC

Nel 2015 apre a Roma, in zona Ostiense “L’Uovo a Pois” un concetto di pasticceria di alto livello completamente naturale in cui l’impiego di farine e zuccheri integrali e di grassi vegetali naturali (senza latte e derivati) accompagna alla scelta di prodotti di grande qualità che non subiscono raffinazioni né trattamenti chimici.

Al centro dell’idea di pasticceria di Alberto Paciaroni c’è una materia prima viva e al massimo grado rispettata, capace di far riscoprire il suo sapore più genuino e autentico.

Ma torniamo alla nostra scelta.

Il Poisnettone è realizzato con farine giovani, integrali e semi-integrali, biologiche e macinate a pietra (Molino Bongiovanni).

uovoapois_poisnettone2017

Peculiarità di farine come queste è la bassa percentuale di zuccheri e di glutine, chef Paciaroni compie un lavoro di grande ricerca e bilanciamento costante per trovare l’equilibrio e far sviluppare una maglia glutinica importante come quella che serve ad un prodotto di lunga lievitazione come il panettone.

La lievitazione segue i tempi della ricetta classica (72 ore), ma viene ottenuta mediante l’impiego di lievito madre integrale e autoprodotto. Il lievito madre di Uovo à pois ha due anni di vita ed è nato da starter quali mela e kaki.

Altro ingrediente fondamentale è il grasso, burro vegetale e fatto in casa, ottenutodall’emulsione di acqua (18%) con burro di cacao e olio di girasole spremuto a freddo (82%), che conferisce composizione e consistenza simile al burro classico.

IMG_7749

Completano la ricetta, uova fresche biologiche come nei migliori panettoni tradizionali, e infine, naturalmente, aromi scelti. Canditi autoprodotti da scorze di limone e arancia, vaniglia, zucchero moscovado, arancia fresca grattugiata.

Naturalmente in alternativa quest’anno è arrivato anche il Poisndoro, simile al Poisnettone negli ingredienti, rivisitazione del classico pandoro, realizzato con una ricetta segreta studiata da chef Paciaroni.

Le varie misure disponibili per il Poisnettone sono sono 100gr/300gr/500gr/750gr/1kg, mentre per il Poisndoro 500gr e 1kg

Per quest’anno lo chef ha voluto preparare le farce ispirandosi a tre grandi classici della pasticceria nordeuropea :

 

Farcitura Sacher: albicocche essiccate, grue di cacao, marmellata di albicocche, glassa al cioccolato.

Farcitura Foresta nera: scaglie di cioccolato all’interno e farcitura con panna di riso e amarena.

Farcitura Strudel: mele dei Monti sibillini candite in casa, pinoli, uvetta e cannella.

Però per i più tradizionali sono anche disponibili le farce classiche.

Tutti gli appuntamenti per degustazioni e le informazioni necessarie per ordinare il vostro Poisnettone o Poisndoro potrete trovarle sul sito( uovoapois )ma vi consiglio assolutamente di passare in questa deliziosa boutique del gusto per degustare anche torrone, biscotti, mousse, mignon e tiramisù, perché quando passerà Natale poi ci saranno tante altre scuse per poter festeggiare!

IMG_7750

Condividi

Commenti

commenti