A passeggio con quinto quarto e abbacchio Flavio al Velavevodetto da Eataly Roma

Flavio Di Maio del famoso ristorante a Testaccio “Veloavevodetto” si mette in gioco .

Come già anni fa decise di stravolgere la sua vita professione abbandonando il “posto fisso” per sposare la sua passione per la cucina tradizionale e iniziare la sua attività di Oste a Testaccio, oggi decide di uscire dal suo quartiere, dove naturalmente ha raccolto non pochi successi per i suoi piatti, e approda alla corte di Eataly .

Lo fa in punta di piedi, con un corner all’entrata , con la formula di cucina da asporto o meglio conosciuta ora come “Street Food”.

Il cibo da strada si unisce alla tradizione romana e il risultato sarà sicuramente vincente!

 

La sua scommessa durerà da Febbraio fino al 31 dicembre, con non pochi sacrifici, perché si dividerà tra il suo ristorante ormai noto a Testaccio e il corner di Eataly,con il prezioso aiuto di Loredana, suo fido braccio destro e sarà a disposizione della clientela, di chi già lo conosceva (ma non in questa nuova versione da asporto) e di chi lo vorrà conoscere, perché ci confida che è molto curioso e aperto a conoscere chi lo apprezzerà, ma soprattutto chi lo criticherà, perchè è importante capire per migliorare, se necessario ( ma sa il fatto suo…).

Le proposte saranno quelle romane, come tradizione vuole e saranno preparate con cura e il tempo necessario che la cucina tradizionale richiede, perché la Cucina Romana, come ci ricorda è un’ insieme di sapienza , tramandata, di mani sporche di farina e di forza nell’impastare, nel lungo tempo di cottura per il sugo e per la preparazione delle polpette, ci vuole passione e dedizione e anche un pizzico di coraggio per buttarsi, come ha fatto con questo nuovo progetto, nella nuova comunicazione del food così veloce e “poco tradizionale”.

Flavio ci ricorda che una sorta di street food era già conosciuto tempo fa:

È una pratica che in realtà già tanto tempo fa si faceva, le massaie o ci fornivano gli ingredienti per realizzare i piatti o venivano al ristorante con la pentola vuota e ci chiedevano di riempirla con la trippa, gli involtini o quello che c’era, e consumavano il pasto in casa” .

Protagonisti del suo corner e pronti ad accoglierci all’entrata nei recipienti caldi saranno soprattutto i secondi della tradizione romana: immancabile il quinto quarto – importante per la cucina di recupero – pollo, il coniglio, l’abbacchio e il manzo.

Le verdure varieranno stagionalmente e ogni quindici giorni il menù cambierà per dare così sempre delle nuove e gustose proposte nel rispetto della cucina della tradizione. Previsti: polpette al sugo, trippa alla romana, carciofi e patate, pollo alla romana, bollito alla picchiapò, coda alla vaccinara, involtini al sugo e tanto altro ancora.

Secondi piatti che potranno essere utilizzati anche per realizzare dei primi come lo stesso Flavio suggerisce: “ Il condimento della coda alla vaccinara è ottimo per fare i rigatoni, il sugo degli involtini può essere usato per la pasta. Le famiglie numerose romane cucinavano i secondi in umido e poi li usavano per fare i primi piatti ”.

Il corner di Flavio al Velavevodetto da Eataly Roma vi aspetta tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 24.

 

cotiche e fagioli

Commenti

commenti

Potrebbero interessarti anche...