Da Frida Kahlo Diana Beltran sorseggiando Margarita da MaYbu

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Aurora Martinez – Frida

Gli occhi di Frida Kahlo ci accolgono nella sua versione più romantica e sensuale rappresentata dall’artista messicana Aurora Martinez, ci seguono nel nostro percorso, curiosi ma pazienti.

No, non siamo in una galleria d’arte, ma nel nuovo locale di un’altra grande signora del Messico : Diana Beltran, chef originaria di Acapulco che diversi anni fa è arrivata per amore in Italia e proprio a Roma ha iniziato a far conoscere la sua cucina messicana, prima ad amici e conoscenti, poi ne avrebbe fatto una professione vera e propria.

Collabora con Gambero Rosso Channel e nel 2002 inaugura in Prati il suo primo locale: La Cucaracha.

Ed è proprio a due passi dal suo primo ristorante che decide ad aprile del 2018, di intraprendere una nuova scommessa con se stessa, inaugurando una versione contemporanea della tavola calda Tex Mex.

Due piani, 150 mq per 70 coperti, al piano inferiore lo spazio per le opere esposte e un bellissimo bagno (perché in un locale anche il bagno è molto importante!), al piano superiore tavoli e sedute e il bancone per scegliere il vostro burrito.

Ma partiamo dal nome MaYbu, esplicativo ed indicativo del menù: Margaritas y Burritos.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Si inizia avvicinandosi al bancone, poiché non c’è servizio al tavolo e si studia come comporre la scelta del burrito che può essere grande €9 o più piccolo €7: tortillas quindi di due formati, tre tipi di carne: chili con carne, carne di maiale (carnitas) o pollo allevato a terra .

Si può scegliere anche la versione vegetariana: riso bianco o piccante, fagioli neri, cheddar fuso e verdure miste, oppure quinta.

nachos

Si passa alla fase successiva di amletico dilemma: quali salse scegliere? Io mi sono fatta consigliare e affidata allo chef, ma la scelta è veramente molteplice: Guacamole (avocado, cipolla, pomodori, coriandolo) salsa di chipotle, salsa verde messicana in purezza, la pico de gallo (pomodoro, coriandolo, cipolla e lime).

Il nostro vassoio è quasi pronto, manca il bere. Per osannare il nome non ho potuto resistere al Margarita, in versione frozen, senza aggiunta di preparati in busta, ma schakerato con appositi mantecatori. Si può scegliere anche una bibita  a €3 che sarà in formula free refill, quindi potrete servirvi quante volte vorrete.

Nel menù anche insalata e nachos che possono essere guarniti con formaggio fuso.

L’idea di Diana Beltran non è solo gustosa, economica e veloce, ma anche ecologica! Infatti sia il packaging che le stoviglie sono totalmente comportabili ed ecosostenibili .

L’apertura di Maybu dà l’occasione anche per la presentazione del libro di ricette della chef, 100 ricette messicane facili da realizzare a casa per e mettersi alla prova ai fornelli con tante ricette colorate, saporite… e non solo con la carbonara!

Commenti

commenti

,,,,,,,,,,,,,,