Le credenze sul cibo in realtà non veritiere

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Caffè

Il cibo e l’alimentazione sono temi di estrema delicatezza su cui spesso si fa confusione fino a creare delle vere e proprie convinzioni, che diventano poi comuni. Non sempre però queste credenze si rivelano veritiere.

Una mela al giorno leva il medico di torno, caffè e vino rosso fanno male al fegato, il glutine va eliminato. Sono alcuni miti alimentari, duri a morire: a sfatarli ci hanno pensato gli esperti di Aigo, Associazione italiana gastroenterologi ospedalieri, riuniti a Perugia fino al 26 novembre per il corso annuale Innovazioni diagnostico-terapeutiche e sostenibilità economica in gastroenterologia.

Queste sono alcune delle credenze minate dagli esperti: il caffè fa male al fegato. Non è vero: un moderato consumo di 2 tazzine al giorno può dare benefici contro la steatosi epatica. Il tè verde è un toccasana. E’ vero che è antiossidante, ma bisogna fare attenzione, soprattutto quando lo si assume come ingrediente all’interno di prodotti e integratori, anche dimagranti, che contengono altre sostanze.

Proseguendo la rassegna, anche la diceria sul vino che fa male al fegato è assolutamente falsa. Infatti sono noti gli effetti benefici del vino nella prevenzione del rischio cardiovascolare e un moderato consumo ha anche un potere antiossidante sul fegato grazie al resveratrolo, sostanza contenuta nell’uva rossa.

Un’altra credenza sfatata è quello dei cibi senza glutine. Il mito che alimenta questo trend in aumento risiede nella convinzione che una dieta povera dei carboidrati che contengono glutine sia dimagrante e salutare. Si rischia, invece, di ridurre il consumo di fibre contenute nei carboidrati, benefiche per la salute dell’intestino, e compensare la mancanza di pasta e pane con i grassi saturi.

La convinzione più diffusa rimane quella della mela, con il famoso detto una mela al giorno toglie il medico di torno. La realtà è che la mela contiene zuccheri fermentabili che fanno male soprattutto a chi soffre di colon irritabile.

Commenti

commenti

,,