Un punto di incontro tra vino e birra: Selva

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Per una volta forse gli amanti del vino e della birra andranno d’accordo e potranno brindare insieme alla nuova nata in territorio umbro e precisamente presso il birrificio Birra dell’Eremo che ha dato il benvenuto a Selva!
Ma facciamo un passo indietro e conosciamo meglio questo birrificio.
STORIA
Nasce ad Assisi nel 2012 dall’ idea di Enrico Ciani e Geltrude Salvatori Franchi.

Il nome si riferisce all’Eremo delle Carceri, in cui San Francesco andava a pregare insieme ai suoi seguaci.

I buoni risultati da homebrewer, la formazione all’Università di Agraria e al Centro di Eccellenza per la Ricerca della Birra di Perugia, spinsero nel 2012 Enrico a trasformare la sua passione in un’idea imprenditoriale, supportato sin da subito da Geltrude che sarebbe poi diventata sua moglie.

Nel rispetto dell’artigianalità si producono solo birre non pastorizzate e non filtrate, senza l’impiego di conservanti e con materie prime di ottima qualità.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

LA BIRRA

Selva è una Italian Grape Ale da 7.5°, realizzata con un 30% di mosto fresco di Sauvignon Blanc fornito dalla Moncaro, una cantina marchigiana.

Le cosiddette IGA, legano il mondo della birra a quello del vino e sono il primo stile tutto italiano riconosciuto dal Beer Judge Certification Program.

È la seconda volta che il birraio Enrico Ciani si cimenta con le Italian Grape Ale.
La Genesi infatti, è prodotta secondo il “metodo classico”, da una base di Saggia (birra stile blanche), a cui viene aggiunto un 20% di mosto di Verdicchio.

Per la Selva, la scelta è ricaduta sul Sauvignon Blanc e su un processo di produzione più assimilabile a quello prettamente birrario.
L’aggiunta del mosto d’uva avviene in fase di whirlpool, vale a dire dopo la bollitura dei luppoli e prima dell’inoculo dei lieviti.
Altra peculiarità sono proprio i lieviti utilizzati: il solito saccharomyces cerevisiae è affiancato da ceppi non convenzionali da vino.
Il blend si caratterizza per un’insolita temperatura di fermentazione che si attesta intorno ai 14°.

Il risultato è una birra che al naso sprigiona note di frutta a pasta gialla e camomilla. In bocca è secca ed asciutta con una lunga acidità finale.
Quale migliore occasione per presentarla all ‘edizione di EurHop 2018 a Roma al salone delle Fontane il 12-13-14 ottobre 2018, con 100 birrifici per più di 800 birre, che  ha visto il debutto ufficiale di tante nuove birre e non poteva mancare anche la Selva… benvenuta!

Commenti

commenti

,,,,,,,,