Ecco cosa succede se si tocca il cibo con le mani molto sporche

bambini-a-scuola

Una delle regole non scritte dell’igiene personale, è quella di non toccare il cibo quando le mani non sono pulite. Lo si insegna ai bambini fin da piccoli, che spesso però non pensano alle conseguenze che potrebbe comportare l’eccessivo contatto tra i batteri e gli alimenti.

E a tal proposito è di estrema rilevanza un esperimento fatto da Donna Gill Allen, una professoressa americana della Cape Fear High School di Fayetteville (North Carolina), per convincere i suoi piccoli studenti a lavarsi le mani con più frequenza.

Nello specifico la docente ha posto tre fette di pane in altrettanti sacchetti di plastica chiusi con uno zip. Nel primo è stato messo il pane maneggiato solo con guanti nuovi e puliti, quindi sterili. Nel secondo invece, è stato infilata una fetta toccata con mani appena lavata, mentre nell’ultimo è stato inserito del pane maneggiato da bambini con le mani sporche.

Naturalmente i sacchetti sono stati etichettati in modo tale da non creare confusione. I risultati dopo qualche giorno hanno dato una sentenza piuttosto eloquente, con la fetta toccata da mani sporche divenuta di un colorito scuro-verdastro, a testimonianza di come i germi abbiano proliferato molto più che negli altri due contenitori.

Ciò testimonia quindi ciò che da tempo affermano molti esperti, ovvero che almeno il 15-30% delle infezioni, sia virali sia batteriche, si possono prevenire con un’accurata igiene delle mani, visto che quest’ultime per forza di cose vengono spesso a contatto con la bocca.

Affinché le mani possano dirsi pulite correttamente occorre però che il loro lavaggio duri almeno 40 secondi e che venga fatto rispettando alcuni parametri, come ad esempio quello di strofinare bene ed incrociare le dita delle due mani.

Insomma un esperimento di non poco conto, che lascia intendere come sia importante imparare ad aver cura delle singole parti del nostro corpo e di come sia fondamentale insegnare queste semplici regole ai nostri figli.

 

Condividi

Commenti

commenti