Principi ed utilità della dieta alcalina

frutta verdura cesto

Per mantenere il nostro organismo equilibrato, è necessario avere un ph leggermente alcalino. Il range ottimale va da 7.1 a 7.5 e mantenerlo su questo livello non è semplice.

Dunque è estremamente importante fare attenzione a ciò che mangiamo, cercando di introdurre giornalmente il 70-80% di cibi basici, contro il 20-30% di alimenti acidi.

In sostanza è bene seguire la dieta alcalina (si basa sull’assunzione di alimenti alcalini e acidi che regolano l’equilibrio acido-base del nostro organismo), anche se non esistono riscontri ufficiali su questo tipo di alimentazione.

La dieta alcalina aiuta a prevenire sovrappeso e ritenzione idrica. Un’alimentazione che predilige alimenti basici offre una protezione da patologie gravi come il diabete ed il cancro. Questo tipo di dieta contrasta l’osteoporosi e combatte i radicali liberi, rallentando l’invecchiamento cellulare.

Andando a vedere nel dettaglio quali sono gli alimenti alcalini, sono prevalentemente di origine vegetale. Appartengono a questa categoria gli ortaggi e la frutta fresca, ricchi di vitamine e sali minerali. Quindi spazio a verdure a foglia verde (spinaci, broccoli, sedano, bietole, coste, cavolfiori), tuberi (carote, patate, barbabietole, zenzero) e frutta (mela, pera, banana, uva, melone, fragole, ciliegie, limone e agrumi).

Passando invece ai prodotti acidi, sono in gran parte cibi di origine animale, ma appartengono a questa categoria anche numerosi alimenti ampiamente consumati giornalmente, come ad esempio carne rossa, latte e latticini di origine vaccina (meglio optare per quelli di capra o di pecora), uova, legumi (lenticchie e soia), pomodori, cereali (grano, mais,frumento, avena, orzo, riso), cacao, zucchero raffinato.

Insomma una buona compensazione tra queste categorie di cibo, può aiutare a ridurre i pericoli cardiovascolari, anche se il tutto è ancora da verificare per bene.

 

Condividi

Commenti

commenti

  • adK

    Immagino che il ph indicato si riferisca al sangue (dovrebbe stare tra 7,35 e 7,45).
    Questo non è influenzato da ciò che mangiamo, ma è regolato da funzione renale e respirazione.

    A parte l’albume, qualche raro formaggio, alcune torte e altre poche eccezioni i cibi che mangiamo sono acidi.

    Come si fa a definire il limone basico se il suo ph è di 2,2-2,4?

    Non dimentichiamo che l’inventore della dieta alcalina, Robert Young, è attualmente in carcere per aver finto di essere un medico (senza avere nemmeno una laurea) con varie accuse di truffa.